Temporizzare la recidiva di cancro alla prostata

Trattamento della prostata Oncologia

Lo scopo del presente Piano collocare la Fertilit al centro delle politiche sanitarie ed educative del nostro Paese. A tal temporizzare la recidiva di cancro alla prostata il Piano si prefigge di: 1 Informare i cittadini sul ruolo della Fertilit nella loro vita, sulla sua durata e su come proteggerla evitando comportamenti che possono metterla a rischio 2 Fornire assistenza sanitaria qualificata per difendere la Fertilit, promuovere interventi di prevenzione e diagnosi precoce al fine di curare le malattie dell'apparato riproduttivo e temporizzare la recidiva di cancro alla prostata, ove possibile, per ripristinare la fertilit naturale 3 Sviluppare nelle persone la conoscenza delle caratteristiche funzionali della loro fertilit per poterla usare scegliendo di avere un figlio consapevolmente ed autonomamente.

Il lavoro del Tavolo consultivo in materia di tutela e conoscenza della fertilit e prevenzione delle cause di infertilit ha documentato il profilo multidisciplinare del tema delineando alcuni punti sostanziali per lelaborazione di un Piano Nazionale per la Fertilit.

Lattuale denatalit mette a rischio il welfare. In Italia la bassa temporizzare la recidiva di cancro alla prostata di sostituzione nella popolazione non consente di fornire un ricambio generazionale. Il valore di 1,39 figli per donna, nelcolloca il nostro Paese tra gli Stati europei con i pi bassi livelli. Questo determina un progressivo invecchiamento della popolazione. In un passato relativamente recente la fecondit tardiva riguardava la nascita del terzo o quarto figlio.

Negli ultimi anni la maternit ad et elevate accade sempre pi frequentemente per la nascita del primogenito. Il peso della cura dei bambini molto rilevante per le donne pi istruite e con lavori di responsabilit che si confrontano con alti costi opportunit e si trovano a dover ridurre la loro attivit lavorativa.

Il ritardo alla nascita del primo figlio implica un minor spazio di tempo, ancora disponibile, per raggiungere il numero desiderato di figli. Questo fenomeno incider sulla disponibilit di risorse in grado di sostenere lattuale sistema di welfare, per effetto della crescita della popolazione anziana inattiva e della diminuzione della popolazione in et attiva.

Va evidenziato che la contrazione della fecondit riguarda tutti gli Stati UE. Anche i Paesi anglosassoni, la Francia e i Paesi del nord Europa, che hanno attuato importanti politiche a sostegno della natalit, restano comunque al di sotto della soglia di sostituzione 2. Il nostro Paese si pone quindi all'interno di una tendenza comune nel continente, dovuta non solo a fattori sanitari ed economici ma anche e soprattutto culturali e sociali, la cui analisi dettagliata esula dal presente Piano della Fertilit; fattori che comunque meriterebbero di essere approfonditi con attenzione.

La salute riproduttiva inizia nel bambino. Nel bambino e nella transizione dallinfanzia alladolescenza si attuano numerose trasformazioni fisiche temporizzare la recidiva di cancro alla prostata psicologiche, che temporizzare la recidiva di cancro alla prostata svolgono sequenzialmente fino al conseguimento della maturazione sessuale e della capacit di procreare.

Questo momento di grande trasformazione di per s pu favorire l insorgenza di anomalie del sistema riproduttivo che determinano infertilit nell adulto. Per questo motivo gli adolescenti e le adolescenti vanno seguiti dal pediatra e, insieme alla famiglia, educati a divenire autonomi e ad avere maggiore responsabilit per la propria salute ed in particolare per la propria sessualit come forma elevatissima di comunicazione umana che coinvolge linterezza dellessere.

Fin dalladolescenza la funzione riproduttiva va difesa evitando stili di vita scorretti ed cattive abitudini come ad esempio il fumo di sigaretta e lalcoolparticolarmente dannose per gli spermatozoi e per gli ovociti. E essenziale inoltre evitare, fin dall infanzia, lobesit e la magrezza eccessiva e la sedentariet, oltre a fornire strumenti educativi ed informativi agli adolescenti per temporizzare la recidiva di cancro alla prostata abitudini che mettono a rischio di infezioni sessualmente trasmesse o gravidanze indesiderate.

Piano Nazionale per la Fertilit. Let femminile governa la fertilit. Le giovani donne devono sapere che la finestra fertile femminile limitata e vulnerabile e che la qualit degli ovociti si riduce al crescere dell et particolarmente dopo i 35 anni quando concepire un bambino diventa progressivamente sempre pi difficile.

Le malattie generali e le malattie genitali insidiano la fertilit. Condizioni ambientali, professionali e iatrogene possono esporre a tossici ambientali con effetti avversi sulla salute. Il sistema riproduttivo particolarmente vulnerabile alle interferenze provenienti dallambiente in alcuni periodi critici e sensibili dello sviluppo biologico. Le disfunzioni ovulatorie si associano a buona prognosi riproduttiva e possono essere curate con successo.

Le infezioni pelviche, acute o subacute, spesso trasmesse per via sessuale, possono compromettere la fertilit della donna, attraverso un danno della funzione tubarica. Gli anticoncezionali di barriera e il tempestivo impiego dei temporizzare la recidiva di cancro alla prostata medici possono prevenire o ridurre i danni sulla fertilit femminile ma non sono sufficienti senza un comportamento sessuale consapevole e responsabile.

I fibromi sono la lesione uterina pi frequentemente osservata temporizzare la recidiva di cancro alla prostata il periodo fertile. In generale i miomi uterini possono temporizzare la recidiva di cancro alla prostata la fertilit o causare un aumento di abortivit in relazione alle dimensioni, al numero ed alla collocazione anatomica; nella maggior temporizzare la recidiva di cancro alla prostata dei casi sono suscettibili di correzione chirurgica.

Lendometriosi si associa ad infertilit femminile, oltre che ad altri sintomi, che possono ridurre fortemente la qualit della vita della donna. Il trattamento medico-chirurgico della patologia pu essere molto complesso. Una rilevante percentuale di donne con tale patologia ricorre allaiuto temporizzare la recidiva di cancro alla prostata per il concepimento. Le patologie tubariche lievi e moderate sono correggibili chirurgicamente, mentre le forme severe implicano il ricorso alla fecondazione in vitro.

La medicina con la PMA pu aiutare la fertilit naturale ma non sostituirla. Le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita PMA rappresentano unopzione per il trattamento della sterilit, ma temporizzare la recidiva di cancro alla prostata sono sempre in grado di dare un bambino.

Anche per i trattamenti di PMA let della donna rappresenta il fattore che pi riduce la possibilit di avere un bambino: dopo i 45 anni la possibilit di avere un bambino con i propri ovociti attraverso le tecniche di PMA aneddotica. La fertilit pu essere difesa dal cancro. I tumori colpiscono anche in giovane et interrompendo quindi il progetto di genitorialit. Inoltre i trattamenti antitumorali possono avere unattivit pi o meno tossica sullovaio e testicolo. Team di specialisti dovrebbero fare il counselling appropriato e proporre la giusta tecnica di preservazione della fertilit per il caso specifico.

I punti salienti focalizzati dal Tavolo consultivo portano allindividuazione di alcuni obiettivi prioritari del Piano Nazionale per la Fertilit che siano in grado di perseguire effetti sulla popolazione, sugli operatori sanitari e sui media favorendo la tutela della fertilit, divulgando le conoscenze scientifiche e costruendo la consapevolezza che la salute riproduttiva alla base del benessere fisico, psichico e relazionale dei cittadini.

Si temporizzare la recidiva di cancro alla prostata un progetto di educazione e di didattica riproduttiva che preveda corsi di formazione sulla fisiologia e la patologia riproduttiva, strumenti informatici e mediatici indirizzati alla popolazione e alla medicina di base, conferenze, trasmissioni radio e televisive che producano cultura e consapevolezza popolare in tema di salute riproduttiva.

Avanziamo lidea innovativa di organizzare incontri formativi per la Cittadinanza, realizzati da Universit e Aziende Sanitarie in collaborazione con i Comuni e le Regioni ed il coinvolgimento delle Associazioni dei Cittadini.

Tali strutture universitarie potrebbero annoverarsi tra i consulenti cui rivolgersi per la realizzazione, secondo le modalit esistenti, dei corsi di formazione e aggiornamento professionale per i medici di medici generale e pediatri di libera scelta in accordo con le relative Federazioni e i vari specialisti del settore ginecologi, oncologi, endocrinologi, ostetriche, ecc.

Esiste una carenza di fondo delle conoscenze relative al funzionamento del ciclo mestruale, al periodo fertile del ciclo, temporizzare la recidiva di cancro alla prostata segni di identificazione della fertilit, allestensione della fertilit femminile nellarco della vita, agli effetti delle cattive abitudini nella vita quotidiana e agli eventi di varia natura, comprese alcune scelte contraccettive, che possono compromettere la fertilit. Le informazioni sulla riproduzione vengono talvolta raccolte dalla divulgazione mediatica in modo non corretto, spesso addirittura fuorviante.

Non sempre ci che viene veicolato dai media infatti temporizzare la recidiva di cancro alla prostata sotto il profilo scientifico o sufficientemente chiaro da non creare fraintendimenti e la criticit maggiore in tal senso viene dai social media e da Internet dove si trovano milioni di informazioni non certificate e non attendibili. Un esempio di convinzioni errate nelle persone che, attualmente, sia possibile avere un figlio anche in et avanzata semplicemente attraverso le tecniche di PMA, poich le notizie di gravidanze in donne anche di oltre sessanta anni sono state enfatizzate dai Media in assenza di chiarezza e consapevolezza che si tratti di ovodonazione.

E necessario, quindi, un progetto nel quale le temporizzare la recidiva di cancro alla prostata della informazione e della formazione siano tenute da esperti che veicolino concetti riproduttivi di base semplici, comprensibili, memorizzabili ed interiorizzabili per le scelte personali di pianificazione familiare.

Lerogazione di temporizzare la recidiva di cancro alla prostata nozioni dovrebbe essere fatta da personale medico con specifica preparazione, in attivit sul territorio cittadino, come ad esempio i medici di medicina generale, i medici e operatori consultoriali, i pediatri, i ginecologi in collaborazione con le Universit e le Aziende sanitarie. Lorganizzazione e la pubblicizzazione delle attivit di formazione dovrebbero essere coadiuvate da cittadini responsabili di attivit distrettuali come ad esempio i presidenti di Quartiere.

Il progetto pu prevedere lorganizzazione di 3 corsi lanno indirizzati ai cittadini con particolare attenzione alle famiglie con figli piccoli o adolescenti, agli insegnanti, alle coppie alla ricerca di un figlio. I corsi dovrebbero comprendere nozioni in linguaggio semplice e divulgativo su: a anatomia, fisiologia e patologia del Sistema Riproduttivo; b epidemiologia del rischio riproduttivo e descrizione delle curve di fertilit naturale in relazione allet; c prevenzione della sterilit fin dallinfanzia; d prevenzione della sterilit in relazione al rischio professionale e alle cattive abitudini e terapie della sterilit con descrizione semplice ma esauriente delle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita PMAdalle pi semplici come linduzione dellovulazione e linseminazione intrauterina, alle pi complesse come la fecondazione extracorporea con prelievo degli ovociti dalle ovaie ed eventuale prelievo degli spermatozoi dai testicoli; descrizione dei risultati concretamente ottenibili e dei rischi possibili; strumenti di valutazione ad opera del paziente dellattendibilit ed affidabilit di un Centro di Sterilit e PMA.

Lattenzione alla tutela della fertilit, ed alle problematiche ad essa connesse, rappresenta uno dei capitoli pi importanti nel rapporto fiduciario tra il cittadino e il suo medico Piano Nazionale per la Fertilit.

E quindi opportuno promuovere per gli operatori sanitari, in primis per i medici di medicina generale e per i pediatri di libera scelta, anche in collaborazione con gli Ordini professionali, le Federazioni e le Societ scientifiche, eventi formativi nellambito del sistema nazionale di educazione continua in medicina ECMfinalizzati allacquisizione di conoscenze e competenze tecnico - professionali nonch di modalit comunicative efficaci sia sulla prevenzione dellinfertilit nellet pediatrica e nellet adulta sia sulla tutela della fertilit, anche rispetto alladozione di corretti stili di vita e allimpatto che sulla fertilit possono avere trattamenti farmacologici per affezioni temporanee o patologie concomitanti.

E indispensabile prevedere per tutti gli operatori sanitari, un aggiornamento continuo sulle tematiche connesse alla fertilit, dalle malattie sessualmente trasmesse e il loro effetto negativo sulla fertilit di coppia e generalmente sullo stato di salute dellindividuo, al trattamento dei miomi uterini fino allendometriosi per la donna, cos come le pi comuni patologie genitali maschili che in passato venivano intercettate grazie alla visita di leva. I crediti formativi conseguiti andranno a far parte di dossier formativi coerenti con gli obiettivi assistenziali delle varie figure professionali, anche di diverse specialit, interessate per la trasversalit temporizzare la recidiva di cancro alla prostata materia trattata.

Proprio per questa peculiarit opportuno promuovere la formazione degli operatori sanitari alle modalit di lavoro multiprofessionale.

Pi in generale, inoltre, anche per questo settore appropriato promuovere la formazione allaudit clinico, quale strumento di valutazione della qualit degli interventi e delle cure erogate, e garantire che gli eventi formativi siano improntati a rigorosi criteri di qualit e di verifica.

Per quanto attiene pi specificatamente ai Medici di medicina generale, la tutela della fertilit andr ricompresa anche negli obiettivi didattici e nei programmi delle attivit teoriche e pratiche del corso di formazione specifica in medicina generale. E proprio la consapevolezza del ruolo cruciale da temporizzare la recidiva di cancro alla prostata svolto nel primo approccio alle necessit riproduttive delle coppie che deve indurre con urgenza allorganizzazione di un progetto didattico finalizzato che consenta ai medici di medicina generale di diventare essi stessi insegnanti protagonisti dei corsi per la popolazione.

Per i medici di famiglia, nellambito della nuova organizzazione della Medicina Generale, cos come prevista dalla legge n. Il progetto dovrebbe prevedere 3 corsi lanno per i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta.

I corsi dovrebbero comprendere informazioni di livello professionale sui medesimi argomenti dei corsi destinati ai cittadini. Inoltre, per i pediatri di libera scelta, potr essere effettuato un ulteriore progetto di formazione e aggiornamento professionale, su scala nazionale, in tema di individuazione precoce delle pi comuni patologie dellapparato riproduttivo ad insorgenza nellinfanzia e nelladolescenza, per intercettarle e trattarle tempestivamente.

Alcune neoplasie di per s, e comunque in generale le terapie antineoplastiche, possono danneggiare irreparabilmente la capacit riproduttiva. Di fatto la corretta informazione su questi possibili effetti della malattia neoplastica non viene regolarmente fornita ai pazienti.

I medici preposti alla diagnosi e terapia dei tumori oncologi medici, chirurghi, radioterapisti, immunologi ecc. Lobiettivo di Corsi di Medicina della Riproduzione per Oncologi si prefigge la collaborazione consapevole ed informata coi medici specialisti che fronteggiano in prima linea il rischio riproduttivo dei pazienti oncologici.

I corsi dovrebbero prevedere lillustrazione dei rischi riproduttivi legati alla malattia neoplastica e di quelli determinati dalle terapie antineoplastiche. Dovrebbero, inoltre, essere date informazioni sulle attuali moderne possibilit di tutelare la fertilit nei pazienti oncologici come la crioconservazione di ovociti e spermatozoi e di tessuto ovarico e testicolare.

E necessario utilizzare questi strumenti per veicolare informazioni chiare e corrette, sgombrando il campo da equivoci che inducono in errore le persone celebrando, ad esempio, le nuove tecniche di procreazione come infallibili e percorribili senza limitazione di tempo. Non si pu lasciare credere a donne e uomini che con laiuto di queste tecniche si possa procreare per tutta la vita, n si pu considerare il fattore economico lunico elemento determinante nel rinvio di una gravidanza.

Il ruolo attivo da assumere per orientare correttamente la comunicazione decisivo da due punti di vista: diffondere una informazione corretta e semplice sul tema della fertilit, scevra da condizionamenti ideologici, in grado di fare operare alla donna e alle coppie una scelta consapevole; veicolare una informazione che promuova un clima di fiducia, scevra da sensazionalismi, anche attraverso la diffusione di good news. Il messaggio da divulgare non deve generare ansia per lorologio biologico che corre il tempo costituisce gi per la donna moderna un fattore critico quanto piuttosto deve incentrarsi sul valore della maternit e del concepimento e sul vantaggio di comprendere ora, subito, che non indispensabile rimandare la decisione di avere un figlio.

I giornali non sono pi il mezzo migliore per raggiungere i giovani: dai dati Censis sui consumi mediatici giovanili risulta che tra i giovani la quota di utenti della Rete arriva al Piano Nazionale per la Fertilit.

Allestero, le campagne rivolte ai giovani utilizzano gli strumenti sopracitati. Il linguaggio adottato diretto e chiarissimo. In alcuni Temporizzare la recidiva di cancro alla prostata come lAustralia la comunicazione stata molto forte: "Dopo una certa et rischi di non avere pi figli" facendo leva sul registro emotivo oltre che su quello informativo.

Il senso di questi messaggi non lascia spazio a fraintendimenti. Uno dei possibili veicoli di diffusione sono i siti web dedicati, peraltro economici e facilmente praticabili. E necessario per che temporizzare la recidiva di cancro alla prostata messaggi vengano reiterati per produrre non solo effetti temporizzare la recidiva di cancro alla prostata breve termine ma anche a lungo termine, adottando tutti gli strumenti ritenuti pi idonei a tal fine. Ovviamente si debbono trovare registri comunicativi e un linguaggio adatto ai target da raggiungere, che passi attraverso i media da loro pi utilizzati e non venga percepito come moralistico.

Per i giovani particolarmente importante anche linterattivit del mezzo e la pronta risposta, in linea con una modalit 2. Via libera quindi a Web tv e Social Network. Per il pubblico meno giovane, appare potenzialmente efficace proporre rubriche interattive dedicate su Televisione e Radio, rubriche fisse su Temporizzare la recidiva di cancro alla prostata e Settimanali e la diffusione di opuscoli ad hoc.

Pu temporizzare la recidiva di cancro alla prostata una proposta dincontro sul tema della fertilit con i giovani, gli insegnanti, le famiglie, i medici, coinvolgendo proprio questi ultimi in una serie di iniziative a partire dagli stessi studi medici.

Si tratta di mettere a fuoco con grande enfasi il pericolo della denatalit, la bellezza della maternit e paternit, il rischio temporizzare la recidiva di cancro alla prostata malattie che impediscono di diventare genitori, laiuto della Medicina per le donne e per gli uomini che non riescono ad avere bambini, prima che sia troppo tardi.

Si propone levento su scala nazionale per il prossimo 7 maggiocon successiva cadenza annuale, in tutte le citt che aderiranno, con il coinvolgimento dei Sindaci dei Comuni, degli Ordini dei Medici, delle Societ Scientifiche, delle Farmacie, delle Scuole e delle Famiglie. Gli eventi formativi si terranno nei teatri locali e in stands appositamente allestiti nelle piazze.

Inoltre la accertata caratteristica del rapporto di fiducia, che vede quasi 7 italiani su 10 aver fatto la scelta del proprio medico di famiglia almeno da 10 anni ISPOconsente di poter contare su un contatto con la popolazione stabile, oltre che capillarmente diffuso, presupposto facilitante per qualsiasi campagna di promozione della salute. Potr essere valutata lintroduzione di uno specifico Bilancio di salute in et adolescenziale annivolto in particolare alla valutazione della salute dellapparato riproduttivo e a fornire specifiche informazioni sulla contraccezione e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse.

Gli operatori sanitari del territorio potranno svolgere anche un importante ruolo informativo diffondendo informazioni e materiali qualificati, realizzati anche in occasioni di campagne ministeriali per la tutela della fertilit. Ogni giorno 3 milioni e mezzo di cittadini entrano in farmacia e non solo per acquistare medicinali, ma anche per ricevere informazioni e consigli per meglio gestire le problematiche relative alla salute.

Per la temporizzare la recidiva di cancro alla prostata parte sono donne che vengono in farmacia per s e per i propri familiari. La farmacia quindi un luogo ideale per fornire informazioni e indicazioni su temi legati alla salute e alla prevenzione e per orientare i cittadini verso le strutture sanitarie pi indicate per il loro specifico problema.